cala cartoe dorgali
Senza categoria

Cala Cartoe: con Ispinigoli accoppiate vincente

Cala Cartoe è certamente il posto giusto da abbinare alla visita della famosa grotta di Ispinigoli con la sua impressionante stalattite di 38 metri di altezza. Siamo infatti nel comune di Dorgali e la spiaggia di Cala Cartoe si affaccia sul Golfo di Orosei a nord di Cala Gonone.

Cala Cartoe: a un passo da Ispinigoli

cala cartoe grotta ispinigoli dorgaliRaggiungerla, anche in auto, è piuttosto semplice. Percorrendo la strada statale n. 125 Orientale Sarda, non dovrete far altro che seguire le indicazioni per Ispinigoli che si raggiunge, appunto, con una strada asfaltata che si diparte dalla s.s. 125.

Dalla svolta sull’orientale Sarda al mare, sono meno di nove chilometri dei quali i primi sette asfaltati. L’ultimo tratto di strada bianca può essere percorso anche con auto normali purché si proceda con attenzione.

Attraverserete una natura rigogliosa fatta di boschi e di macchia che degrada rapidamente verso il mare con una costa tipicamente di scoglio in cui si trova questo piccolo lembo di sabbia. E’ proprio questo contrasto a rendere Cala Cartoe particolare.

La Spiaggia di Cala Cartoe

Lunga circa 250 metri e profonda una cinquantina, la cala è circondata dalla macchia mediterranea e dalla roccia. Ad occhio, non avendo sperimentato di persona, le scogliere poste su ambo i cala cartoe grotta ispinigoli lati di potrebbero consentire una bella battuta di pesca subacquea nel tentativo di portare a casa la cena.

Certamente, invece, soprattutto i più piccoli apprezzeranno un mare dal fondale sabbioso che guadagna profondità molto gradualmente.

Insomma: una spiaggia multiuso con l’abbinata Grotta di Ispinigoli – Cala Cartoe assolutamente da provare.

Potrebbero anche interessarti:

Fabrizio Sciarretta

Fabrizio Sciarretta

Laureato in Economia alla LUISS e Master in Business Administration della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, Fabrizio Sciarretta ha dedicato i primi anni della sua attività professionale al giornalismo economico. Rientrato dagli Stati Uniti, ha operato per circa un ventennio nella consulenza di organizzazione e direzione aziendale, ricoprendo incarichi di top management in Italia per due multinazionali americane del settore. Ha poi scelto la strada dell’impresa e da alcuni anni è impegnato come imprenditore nel settore della sanità. E’ stato membro dell'esecutivo di ANISAP Lazio e consigliere d’amministrazione di reti e raggruppamenti d’imprese. Lion da sempre, è stato presidente fondatore del Lions Club Roma Quirinale. Nel 2008 ha abbandonato la Capitale in favore della Sabina, e non se ne è pentito affatto.

Leave a Comment